’O cippo ‘e Sant’Antuono.

È sera. ’Npont’ ’o vico ’o cippo è pronto…
“Bona ge’, jammo, menate,
ca Sant’Antuono
se piglia ’o bbiecchio e po’ ve torna ’o nnuovo!”
Chi s’avvicin’ ’o ffuoco, chi se scanza,
chi corre, chi se nquarta, chi pazzea,
chi ride, chi guarda ’ndifferente,
chi arape ’o core a n’esistenza nova…

Al calar del sole bruceremo insieme le sterpaglie, la legna accatastata dopo la pulitura del Giardino per propiziare con l’energia del fuoco l’inizio del nuovo periodo dell’anno in cui la luce trionfa sulle tenebre.
• Consumata la fiamma del falò (che non possiamo fare molto alto per ovvie ragioni) utilizzeremo la brace per fare una grigliata.
• Portate pane e cibo, vino a piacimento da condividere.
• Sono ben accetti suonatori, cantatori, chitarre, tammorre…

E diamo il via al Carnevale!

Annunci